ursula-k-le-guin, la mano sinistra delle tenebre

Lunedì scorso, all’età di 88 anni, se n’è andata Ursula Le Guin, grandissima maestra in quella che, purtroppo a torto, è considerata una forma di letteratura inferiore: la fantascienza. Voglio ricordarla ripubblicando la recensione di uno dei suoi capolavori. E… Buon viaggio fra le stelle, Ursula!

UrsulaLeGuin,

Due pianeti uguali, ognuno ha l’altro come Luna. Gli abitanti non si conoscono, rari contatti tramite navi spaziali legati soltanto a scambi commerciali.

Continua a leggere

Cappuccetto Rosso sangue

 Dalla vertiginosa altezza dell’albero, la bambina osservava tutto. Il tranquillo villaggio di Daggorhorn si trovava al centro della valle. Visto dall’alto, sembrava un posto remoto ed estraneo. Un posto di cui lei non sapeva nulla, un posto dalle estremità appuntite, senza recinzioni e senza filo spinato, un posto dove la paura non ti segue ovunque come un genitore ansioso.

Continua a leggere

Simona Vinci

Simona Vinci è da sempre una scrittrice che affronta tematiche particolarmente dure e sofferte, scandagliando l’anima dei suoi personaggi e mostrandone tutte le sfaccettature e le zone d’ombra. Il libro “Come prima delle madri”, pubblicato nel 2003, ne è un esempio.

Continua a leggere

voce

Parlare di immigrazione in modo diverso non è facile, soprattutto volendo evitare di cadere in luoghi comuni o generalizzazioni che, comunque, non offrono una sincera immagine della realtà.
Con i loro occhi con la loro voce è un libro che parla di immigrazione attraverso testimonianze dirette, vive, toccanti. È un mosaico di esperienze dai tanti riflessi, racconti e immagini che potrebbero aprire la nostra mente a significati inaspettati anche per chi conosce o crede di conoscere.

Continua a leggere