Allevare polli in Uganda

Allevare polli in Uganda, ecco il progetto:

Il mese scorso il mio amico poeta Hamid Barole Abdu, che attualmente si trova a Kampala, in Uganda, mi ha raccontato la storia di questo gruppo di donne che stanno cercando di rendersi autonome tramite questo allevamento di polli e senza aiuti di ONG (a suo tempo promessi, ma successivamente disattesi). Ecco cosa mi ha raccontato Hamid:

“Anni fa quando mi capitò di leggere il libro di Dambisa Moyo dal titolo “La Carità che uccide” Rizzoli Editore, rimasi sconvolto. Secondo la scrittrice dello Zambia ma che vive in America, una donna documentatissima, ogni dollaro che va alla cooperazione allo sviluppo in Africa ai destinatari (i dannati della terra) non arrivano nemmeno 10 centesimi. Vedo con i miei occhi qui in Uganda i soggetti della cooperazione allo sviluppo che girano con dei fuori strada da più di 100 mila euro, alloggiano nei migliori hotel o nei migliori ville con dei domestici e autisti locali e chissà quanto sono stipendiati….
Il progetto è fatto dal basso e so che si tratta di donne sfortunatissime. Vedo come sia Margaret, la responsabile, che le altre donne, cercano di sopravvivere con tanta umiltà.
Qui il salario delle persone è quasi zero, soprattutto per le donne. Una ragazza/donna di servizio che lavora quasi 24 ore su 24 presso una famiglia benestante/ricca è tra 30,00 e 40 € (trenta/quaranta euro) al mese. So di certo perché un ragazzo conosciuto nella casa dove vivevo fino a tre giorni fa ha una sorella che lavora presso una famiglia di eritrei che la pagano proprio quella somma, compreso il mangiare e il dormire.
Le somme indicate nel progetto, cioè 120,000 shillings corrispondono a circa 35 € (1 € è 3330 shilling circa) e 220,000 shillings sono meno di 65 €.
Purtroppo è la verità.
Mentre ti scrivo c’è un idraulico che sta montando il boiler e un nuovo WC. Immagina quante ore dovrà lavorare, perché il bagno è nuovo. Bene nel preventivo che mi ha fatto vedere, cioè la lista di tutti i materiali che gli servono ha messo anche il costo della manodopera che è di 70,000 shillings pari a € 20. Questo ragazzo dovrà ritenersi fortunato perché è specializzato, ma non è che trova facilmente altre persone disposte a dargli  questa somma.
Aprire un conto corrente qui non è facile come in Italia, qui per entrare in banca le persone vengono perquisite da una dozzina di poliziotti armati, come dei detenuti o come dei potenziali terroristi. Se tu e altre persone e/o Associazioni volete sostenere il progetto, vi do la mia disponibilità a fare da garante soprattutto relativamente alla rendicontazione e realizzazione del progetto. Il mio consiglio è di inviare denaro tramite Western Union o altre agenzie simili, è semplice, veloce e si ha la ricevuta del versamento”.
 Ecco, questa è la storia che mi ha raccontato Hamid. Ora tocca a noi riflettere e decidere se vogliamo dare una mano a queste dieci donne, madri di famiglia, a rendersi indipendenti: bastano 4500 euro perché possano partire! Chi volesse informazioni più specifiche può contattarmi via mail. Grazie.

ASSOCIAZIONE VOLONTARIE VILLAGGIO DI KAWUKU

polli, donne di Kampala

La situazione per noi donne svantaggiate in Uganda è allarmante. Siamo divorziate, abbandonate, vedove e vittime di violenza. Abbiamo difficoltà ad accedere ai lavori che sostengano sia noi che i nostri bambini. In queste condizioni, abbiamo deciso di formare un gruppo di dieci donne per combattere la disoccupazione e la povertà e diventare cosi indipendenti. Questo gruppo si chiama Kawuku Women Volunteers Association. E’ legalmente registrato come associazione ed ha sede nella periferia di Kampala, capitale dell’Uganda, nel villaggio di Kawuku. Crediamo in noi stesse ed è con la nostra capacità che possiamo lavorare e cambiare le nostre vite.

Al fine di raggiungere questi obiettivi, abbiamo dato vita al progetto di un pollaio. In particolare, piano piano, attraverso i nostri risparmi, abbiamo costruito due pollai che riescano ad ospitare fino a 2000 polli. Per dar vita al nostro progetto e coprire i costi di produzione, abbiamo bisogno di un capitale iniziale che varia dai 7 agli 8 milioni di scellini per 1000 polli (corrispondenti a € 2.320 n.d.r.) e dai 14 ai 16 milioni per 2000 polli (corrispondenti a € 4.650 n.d.r.). Con questi livelli di produzione, il profitto può arrivare a un milione duecento mila scellini per 1000 polli (corrispondenti a 350 €) e duemilioni quattrocento mila scellini per 2000 polli (corrispondenti a 700 €). Cosi facendo ogni membro può arrivare a guadagnare 120 mila scellini per 1000 polli (corrispondenti a € 35) e 220 mila scellini per 2000 polli (corrispondenti a € 65) ogni 7/8 settimane.

(4650 € totale capitale iniziale occorrente) (65 € guadagno previsto per ogni donna ogni 2 mesi)KAWUKU WOMEN VOLUNTEERS ASSOCIATION – Kampala (Uganda)

Mukasa Margaret (Coordinatrice del progetto)
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.