Ancora Cromador, guardiamo insieme il progetto di bonifica

Costo bonifica Cromador

Eh sì, so di essere piuttosto monotematica ultimamente: ancora Cromador! Sto però provando ad analizzare il progetto di bonifica, scritto dall’incaricato della ditta Cromador, geologo Simone Barbieri, nel progetto operativo di bonifica (sottoposto a parere Conferenza dei Servizi in data 31/05/2019). Non sono un’esperta e mi limiterò soltanto a mettere insieme i pezzi.

Leggiamo insieme quanto scrive il geologo (nell’immagine la tabella con i livelli di cromo e nichel riscontrati negli anni – in rosso il superamento dei limiti massimi previsti per legge):

SORGENTE DI CONTAMINAZIONE

Il sito in oggetto è costituito da uno stabilimento galvanotecnico attivo in cui è stata rilevata la presenza di una contaminazione da cromo presumibilmente generata da una vasca presente nell’area (probabilmente in passato interessata da perdite).Inquinamento Cromador negli anni
È stata riscontrata anche una contaminazione da Nichel nel suolo profondo insaturo (GP4) mentre nella falda acquifera è stata riscontrata presenza di Nichel solo in alcune occasioni (4-5 superamenti dal 2012 ad oggi).
Questo aspetto dovrà essere approfondito mediante il monitoraggio successivo alla bonifica.
Il piano di caratterizzazione ambientale ha evidenziato dei superamenti rispetto alle CSC solamente per il suolo profondo (SP) e per la zona satura (W), mentre nel comparto suolo superficiale (SS) non sono stati riscontrati superamenti delle CSC. Dal punto di vista geometrico la contaminazione nel terreno insaturo superficiale (SS) da Cromo VI appare localizzata nelle vicinanze della vasca del Cromo VI (GP1-GP2) ed è stata rilevata fino alla profondità massima di 6 metri.
L’altra zona in cui è stata riscontrata contaminazione da Nichel che risulta nelle vicinanze della condotta che trasporta le acque di reflue verso il depuratore e sembra essere concentrata nei primi 5 metri. (GP4), probabilmente legata ad infiltrazioni dal pavimento che risulta ammalorato nei pressi della zona del mescolatore del nichel.

Per quanto riguarda i terreni le concentrazioni massime riscontrare sono quelle già riportate nell’analisi di rischio e pari a: 31,1 mg/Kg per il cromo VI e 3500 mg/Kg per il Nichel.
Per quanto riguarda le acque sotterrane i valori massimi riscontrati durante la fase di caratterizzazione sono stati pari a: 70 µg/l per il Cromo VI, 70 µg/l per il Cromo totale, 50 µ/l per il Nichel.

RISULTATI DELL’ANALISI DI RISCHIO E OBIETTIVI DELLA BONIFICA

L’esito dell’analisi di rischio ha evidenziato la conformità del suolo insaturo profondo, alle Concentrazioni Soglia di rischio, mentre per quanto riguarda la matrice falda è emersa la non conformità dei parametri Cromo VI e Nichel per quanto concerne il rispetto delle CSC al confine di sito.
Il progetto di bonifica, proposto di seguito si concentrerà quindi sul trattamento della falda acquifera per renderla compatibile al confine di proprietà alle CSC di legge.
Nel presente progetto si interverrà sul parametro Cromo VI mentre per il Nichel, vista la sua temporalmente limitata presenza nella falda, si propone di monitorare il suo andamento, valutando dopo il monitoraggio la necessità o meno di intervenire con operazioni di bonifica.

Per chi volesse approfondire, qui è possibile trovare la nota di aggiornamento al DUP (Documento Unico di Programmazione).

Prima considerazione: l’amministrazione comunale sapeva tutto a fine maggio 2019, ha chiesto un contributo alla regione, ma non ha detto nulla alla cittadinanza.

Non essendo in possesso del “piano tecnico ed economico di allontanamento dei rifiuti presenti nel sito della Cromador srl e dei bagni esausti contenuti nelle vasche utilizzate per l’attività galvanica ivi compresi i fanghi di depurazione delle acque” non possiamo dire nulla, se non che da sola la bonifica dei rifiuti ci costerà più di 1 milione di euro.

Arrivederci alla prossima puntata…

Intanto posto qui sotto il link agli altri articoli che ho scritto sull’argomento:

13.01.2015 Cromador e inquinamento a Sandrigo

22.05.16 Sandrigo risponde su inquinamento Cromador

21.07.2019 Inquinamento da cromo, Cromador: bonifica o concordato?

07.08.2019 Cromador fallita: ordinanza del sindaco per messa in sicurezza

11.08.2019 Fallimento Cromador: come previsto, sarà il comune a pagare la bonifica

15.09.2019 Cromador: primi costi per la bonifica a carico del comune

11.10.2019 – Ancora sulle spese di bonifica della fallita ditta Cromador

15.12.2020 – la telenovela sandricense Cromador ha un nuovo filone

20.01.2021 – Cromador, mettiamo in fila tutti i fatti dal 2012 ad oggi

12.02.2021 – Bonifica Cromador, l’inazione dei responsabili ci costerà un milione di euro

3.03.2021Cromador Sandrigo, per la bonifica spenderemo un milione e 250mila euro

(Visite 50 totali, 1 visite oggi)
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.