Renzi, canada dice no, F35, volare meglio di no, Armi e finanziaria

Armi e finanziaria: in questi giorni ferve il dibattito sul nuovo decreto approvato dal governo Monti, tutti cercano di capire e quantificare quanto la manovra costerà ad ogni cittadino.

C’è un settore però che non è stato toccato da tagli di sorta: le spese militari.

L’Italia ha intenzione di acquistare in numero consistente due tipologie di cacciabombardieri super sofisticati:

il JFS35 (ne stiamo comperando 131 e non sappiano né se funzionano, né a quanto ammonterà il loro prezzo finale. Per ora il costo è fermo a 15 miliardi di euro) che sarà prodotto in parte in Italia, e che deriva da un accordo con gli Stati Uniti.

Il caccia europeo Eurofighter Typhoon (ne compriamo un centinaio) che ci costerà, più o meno, altri 10 miliardi di euro.

Il totale fa 25 miliardi di euro, in pratica la manovra appena varata.

Ma è difficile che il nuovo ministro della difesa, l’Ammiraglio Giampaolo di Paola, faccia pressione per annullare l’acquisto, soprattutto perché ne è stato il più strenuo sostenitore fin dall’inizio.

 

Eurofighter 2000, la nuova frontiera della… by quotidianonet

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.