Ban Ki-moon parla dei profughi

Ban Ki-moon

La Stampa presenta un’intervista a Ban Ki-moon, segretario dell’Onu: “Sbagliato colpire i barconi in Libia, aiutiamo i profughi”

Il segretario dell’Onu afferma che non esiste una soluzione militare, ma si deve dare asilo a chi fugge dalle guerre.

 

Finalmente parole di buonsenso dopo gli sproloqui dei giorni scorsi.

Ban Ki-moon afferma che è “cruciale che la concentrazione di tutti sia su salvare le vite, inclusa l’area libica delle operazioni di ricerca e soccorso, che è quella da cui vengono la maggioranza delle richieste di aiuto. La sfida non riguarda solo il miglioramento dei soccorsi e dell’accesso alla protezione, ma anche assicurare il diritto all’asilo del crescente numero di persone che in tutto il mondo scappano dalla guerra e cercano rifugio. Non c’è una soluzione militare alla tragedia umana che sta avvenendo nel Mediterraneo. È cruciale un approccio complessivo che guardi alla radice delle cause, alla sicurezza e ai diritti umani dei migranti e dei rifugiati, così come avere canali legali e regolari di immigrazione. Le Nazioni Unite sono pronte a collaborare con i nostri partner europei a questo fine”.

Una bella differenza rispetto a quanto hanno deciso al consiglio europeo sull’immigrazione!

In Italia, invece, l’attivista Nawal Soufi è  entrata nel Centro di Prima Accoglienza (CPA) di Pozzallo nel ragusano ed ha registrato i racconti dei richiedenti asilo (fra i quali ci sono donne e bambini), quasi tutti siriani e palestinesi i quali sostengono di “essere stati picchiati con la corrente elettrica” per forzarli a rilasciare le impronte digitali. Sappiamo che, in base alla convenzione di Dublino, il richiedente asilo può fare domanda nel primo paese in cui arriva: solo che loro non vogliono fermarsi in Italia e quindi si rifiutano di farsi identificare. Chissà cosa ne penserebbe il segretario dell’Onu, se lo sapesse!

(Visite 16 totali, 1 visite oggi)
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.