CIE

In base al testo provvisorio del nuovo decreto che, secondo il ministro Maroni, dovrebbe aver recepito la direttiva rimpatri, gli irregolari potranno stare nei Cie fino a un anno e mezzo, avendo come unica colpa quella di aver deciso di cercare un futuro migliore, di fuggire da una guerra o da una situazione di fame e povertà.

In Italia si è deciso che, il solo fatto di essere poveri, è sufficiente per far stare in quei lager che tutti chiamano Cie (Centri di Identificazione ed Espulsione), un anno e mezzo.
Grazie ministro Maroni, ci mancava questo slancio umanitario!
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.