Appiano, Non sono razzista

Comunicato Stampa – Forum Territoriale Per Cambiare l’ordine delle cose di Bolzano: NON SONO RAZZISTA, MA…

Il Forum Territoriale Per Cambiare l’ordine delle Cose di Bolzano condivide e sostiene la condanna del grave attacco xenofobo subito dalla struttura di accoglienza per richiedenti protezione internazionale “Ex Mercanti” di Appiano, nella notte tra sabato 19 e domenica 20, pronunciata da “Antenne Migranti” nella giornata di domenica.

Desideriamo innanzitutto esprimere la nostra vicinanza e solidarietà agli ospiti e agli operatori della struttura.

Il Forum, inoltre, manifesta la propria preoccupazione e il proprio sdegno per le parole di Massimo Bessone, Commissario della Lega Nord in Alto Adige. Il signor Bessone condanna inizialmente l’attacco contro il centro di accoglienza, per poi però comprenderlo e giustificarlo con frasi degne del peggior commento da social network quali: “La gente è sempre più stufa della politica intrapresa dagli ultimi governi in materia di immigrazione”, “Purtroppo episodi assai gravi come quello di Macerata dei mesi scorsi e altri fino ad arrivare a quello di Appiano saranno all’ordine del giorno”.
Condanniamo la manipolazione di questo episodio di violenza razzista e il tentativo di alimentare le tensioni e le paure della popolazione per un volgare fine propagandistico. Condanniamo con fermezza chi con le proprie parole dona legittimità all’azione vile, violenta e discriminatoria della scorsa notte. Condanniamo la vuota equazione che vede i migranti associati al degrado e alla delinquenza. Condanniamo chi soffia sul fuoco delle polemiche, invece di cercare un dialogo costruttivo, partecipativo e solidale.
Dubitiamo che il signor Bessone si sia informato circa la realtà dei richiedenti protezione internazionale che vivono ad Appiano.
Appiano è un comune che conta quasi 15.000 abitanti. Le persone richiedenti protezione internazionale ospitate dal comune sono 39. Neanche a farlo apposta, un articolo di stampa di domenica 20 maggio descrive gli ospiti della struttura Ex Mercanti come “perfettamente integrati nella realtà locale. (…) Ventotto hanno firmato contratti di lavoro a tempo determinato nei settori pulizia, cucina ma anche edilizia. Fanno soprattutto gli operai e i commessi. Gli altri dieci frequentano corsi di formazione per diventare camerieri e aiuto cuochi e troveranno sicuramente un impiego, sempre a termine, nelle strutture locali che lavorano nel comparto turistico”.
L’episodio violento e discriminatorio di Appiano deve essere condannato in maniera chiara e netta.
Chi cerca una giustificazione alla violenza intimidatoria di matrice razzista è anch’egli colpevole.

SIETE LUPI TRAVESTITI DA AGNELLI!

Crediamo, inoltre, che gli eventi di questi giorni evidenzino la necessità di istituire, da parte della Provincia Autonoma di Bolzano, un Ufficio Antidiscriminazioni, dotato di strumenti e finanziamenti soddisfacenti, affinché possa operare da subito in maniera efficacie sul territorio provinciale.
Ci auguriamo, inoltre, che le Istituzioni Pubbliche, dopo aver condannato l’attentato della scorsa notte, mettano in campo maggiori risorse e finanziamenti per le attività volte all’integrazione e all’inclusione dei richiedenti asilo accolti nella provincia di Bolzano. In tal senso come Forum abbiamo dichiarato quali punti fondamentali del nostro manifesto la ferma opposizione al razzismo e alla xenofobia che si stanno infiltrando nella nostre società e nelle democrazie europee e che non rimarremo in silenzio dinnanzi a una narrazione tossica  del noi contro loro; sosteniamo invece le Istituzioni e coloro che si impegnano a sfidarla con una informazione corretta in linea con i principi della Carta di Roma, con una comunicazione positiva del fenomeno migratorio che restituisca diritti e dignità ai migranti e la creazione di spazi di incontro e formazione per progettare percorsi contro l’odio e l’esclusione.

http://pclodc.blogspot.it/p/comunicati.html

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.