scrittura, cultura Vittorio Veneto Autobiografico, Scrivi ti prego, Dino Buzzati

In questa breve guida si mostreranno le principali differenze presenti in due diversi tipi di cultura: quella orale e quella scritta. Nel nostro mondo, così totalmente immerso nella scrittura, difficilmente si riesce a immaginare una società senza scrittura. Ma quali sono le differenze di pensiero tra le due culture?

Le principali caratteristiche della cultura orale e di quella scritta sono state analizzate dallo studioso Walter J. Ong nel suo libro: “Oralità e scrittura, le tecnologie della parola” ed. Il Mulino.

La prima grande differenza che contraddistingue le due culture, è il senso utilizzato nella comunicazione: l’udito per la cultura orale e la vista per quella scritta.

La cultura orale primaria (dove cioè la scrittura ancora non esiste):

utilizza principalmente l’udito, deputato all’ascolto delle parole dell’altra persona.

  • Ha un rapporto privilegiato con il tempo
  • Non può fermare il suono che è evanescente
  • trasmette tradizioni, cultura e conoscenze attraverso la parola
  • utilizza la memoria, organizzando il discorso in base a schemi: forte caratterizzazione dei personaggi descritti, formule, frasi ripetute più volte, temi fissi, ritmo del discorso
  • tende all’estroversione (il suono socializza)
  • è comunitaria.

La cultura scritta:

  • utilizza la vista come senso primario
  • ha un rapporto privilegiato con lo spazio
  • tende all’introversione (l’utilizzo individuale attraverso la lettura e la scrittura isola) realizza un distanziamento tra il soggetto e l’oggetto
  • ha capacità di analisi
  • è individualista.

La cultura orale quindi privilegia la comunità, è una cultura collettiva ed estroversa che presta particolare attenzione agli altri, utilizzando l’udito (quindi ascolto) e la memoria quali fonti di conoscenza e trasmissione.

La cultura scritta utilizza la vista, è individualista e introversa, ha un rapporto privilegiato con lo spazio.

Nella sua opera “Fedro”, Platone fa dire a Socrate: “Le lettere cagionano smemoramento nelle anime di coloro che le hanno apprese”. È curioso però che questa critica alla scrittura sia stata fatta proprio tramite un testo scritto.

In quel periodo storico, la scrittura era mera trascrizione di racconti orali. Con il tempo, però, ci si è accorti che la scrittura modificava il pensiero, permettendo la nascita di altre modalità narrative.

L’altro grande cambiamento, è intervenuto con la stampa. Da quel momento si sono avuti testi tutti uguali (mentre prima gli scrivani modificavano quelli che dovevano copiare).

Oggi, con l’avvento dell’era digitale, si sta assistendo a una nuova rivoluzione; solo in futuro sapremo come cambierà nuovamente il nostro modo di pensare.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.