carl-gustav-jung, quello a cui resistiamo

Diventiamo tutto quello a cui resistiamo: partendo da queste parole, vi propongo alcune stimolanti riflessioni sulla resistenza, perché mi è capitato di leggerne in contemporanea sia nell’oroscopo cult di Rob Brezsny, pubblicato da Internazionale, sia su un sito internet che parlava di alcune considerazioni fatte dallo psicoanalista Carl Gustav Jung. Buona lettura e buona riflessione!

Adyashanti è il filosofo che trovo più stimolante. Una dose della sua folle saggezza è proprio quello di cui hai bisogno in questo momento. “Diventiamo tutto quello a cui resistiamo”, dice. “Se resistiamo alla rabbia, siamo sempre arrabbiati. Se resistiamo alla tristezza, siamo sempre tristi. Se resistiamo alla sofferenza, siamo sempre sofferenti. Se resistiamo alla confusione, siamo sempre confusi. Pensiamo di opporre resistenza a certi stati d’animo perché esistono, ma in realtà esistono perché noi gli resistiamo”. Ti va di riflettere sul consiglio di Adyashanti, Bilancia? Spero di sì, perché per dissipare almeno una parte dei sentimenti pericolosi che ultimamente ti stanno tormentando l’unica cosa da fare è smettere di resistere!

E, dopo alcuni giorni da questa lettura, mi imbatto in questo articolo: Quello a cui opponi resistenza persiste, che poi è una frase dello psicoanalista Carl Gustav Jung.

Bene, per quanto mi riguarda, ho trovato lavoro per le prossime due o tre vite che mi aspettano… E voi? Pensate che sia vero che diventiamo tutto quello a cui resistiamo?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.