Cartina Senegal, Ba Ly, bio-carburante

Da parecchio tempo gli amici senegalesi mi raccontavano come, per poter ottenere il bio-carburante, un’azienda italiana avesse comprato terreno demaniale impedendo loro, di fatto, di pascolare le greggi e prendere l’acqua. Ma la cosa sta diventando ancora più drammatica: qui trovate un articolo della Repubblica 2012.

E più sotto un video dell’agenzia stampa vicino oriente che scrive: 37 villaggi privati del 50 per cento dei terreni per far posto a produzioni di bio-carburante che neanche sfioreranno il mercato senegalese.  Un caso emblematico di land grabbing che pian piano sta smangiucchiando l’intero Continente Nero. C’era una volta…

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.