attesa occupazione, lavorare in attesa Rinnovo permesso di soggiorno

Per cominciare a dare il quadro della situazione sul permesso di soggiorno, proviamo a capire il linguaggio burocratico-legislativo. Si tratta di un linguaggio molto diverso da quello comune: potremo conoscere in modo inequivocabile cosa intende il legislatore quando parla di “straniero”, “comunitario”, “apolide” e così via. Avremo così un linguaggio comune e condiviso. Per conoscere il significato di questi termini si deve leggerne il significato nella legge che ne parla.

La definizione di straniero si trova nel Testo Unico sull’immigrazione (D. Lgs. n. 286/1998) all’art. 1, Comma 1: “Il presente testo unico, in attuaz
ione dell’articolo 10, secondo comma, della Costituzione, si applica, salvo che sia diversamente disposto, ai cittadini di Stati non appartenenti all’Unione europea e agli apolidi, di seguito indicati come stranieri”.

La definizione di comunitario si trova nel comma 2 e recita: “Il presente testo unico non si applica ai cittadini degli stati membri dell’Unione Europea, salvo quanto previsto dalle norme di attuazione dell’ordinamento comunitario”.

La definizione di apolide si trova nell’art. 1 della legge n. 306/62 con cui l’Italia ha resa esecutiva la Convenzione di New York del 28 settembre 1954 sugli apolidi e designa: “La condizione di una persona che nessuno Stato considera come proprio cittadino”.

Creata una prima cornice di riferimento, per sfatare la fola governativa secondo cui “accogliamo chi è integrato, rispetta le regole, ha una casa e un lavoro”, mettiamo in fila tutte le azioni che un migrante deve compiere per rinnovare un permesso di soggiorno per lavoro. Vediamo se è davvero così semplice e immediata la vita dei migranti regolari in Italia.

Il nostro è senegalese, si chiama Sy Mamoudou ed è in Italia da 20 anni con un lavoro a tempo indeterminato.

 Il signor Sy dovrà recarsi in un patronato convenzionato a chiedere, almeno 60 giorni prima della scadenza, l’elenco dei documenti necessari al rinnovo unitamente a un appuntamento per consegnare gli stessi;

  1. Preparare i documenti che sono:immigrati_fila-fi, Permesso di soggiorno

a) Fotocopia del permesso di soggiorno (pds) in scadenza;

b) Fotocopia del codice fiscale;

c) Fotocopia di tutte le pagine del passaporto, anche quelle bianche;

d) Fotocopia del contratto di soggiorno e fotocopia della ricevuta della raccomandata spedita allo Sportello Unico Immigrazione della Prefettura.

  1. Recarsi all’appuntamento con la documentazione;
  2. Dopo aver ricevuto la busta compilata dall’addetto del patronato, andare in posta e

a) Farsi riconoscere dall’addetto mostrando passaporto e pds originali;

b) Firmare i moduli davanti agli addetti;

c) Pagare il bollettino di 27,50 € + commissione per il pds elettronico;

d) Consegnare una marca da bollo da 14,62 € da apporre nel modulo;

e) Pagare 30 € per la spedizione della busta (che sarà spedita a Roma, in un centro nazionale di smistamento);

f) Ritirare la ricevuta della spedizione che servirà a dimostrare, in caso di controllo da parte della polizia, che si è provveduto a chiedere il rinnovo del pds;

g) Ritirare l’appuntamento con la questura per il controllo delle impronte.

  1. Il giorno dell’appuntamento (solitamente dopo qualche mese) recarsi in questura per lasciare le impronte portando con sé:

a) 4 foto su sfondo bianco;

b) originali di tutti i documenti inseriti nella busta;

c) Integrazione documentale nel caso mancasse qualcosa nella busta inviata a Roma.

  1. Attendere un SMS per andare a ritirare il permesso elettronico;
  2. Il giorno dell’appuntamento recarsi in questura, ritirare il permesso elettronico, controllare che i dati personali inseriti siano corretti.
  3. Sperare che la data di rilascio non sia quella di quando ci si è recati (più di un anno prima) al patronato a chiedere il primo appuntamento e che il permesso non sia già in scadenza, se non addirittura già scaduto, nel qual caso si deve ricominciare dal punto 1.
  4. Con il permesso rinnovato recarsi all’ufficio anagrafe del proprio comune e al distretto sanitario locale per ottenere il rinnovo delle iscrizioni anagrafica e sanitaria.

È questa la vita beata a cui aspirano i migranti che protestano per ottenere il rilascio di un permesso di soggiorno.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.