smontiamo bufale, profughi, Lampedusa impedisce sbarchi

 

L’immigrazione è un argomento estremamente controverso nel dibattito pubblico. È un tema che conosco molto bene fin dalla metà degli anni ’80. Ho lavorato al lungo negli sportelli immigrazione del vicentino ed ho anche scritto le mie esperienze in questo libro; ho poi contribuito a raccogliere, su richiesta della Caritas di Vittorio Veneto, le storie di vita di alcuni migranti fuggiti dalla Libia affiancando nel lavoro le volontarie dell’associazione Medi@età. Ho continuato a scrivere articoli e aggiornamenti legislativi, a raccogliere le storie delle persone nel blog e per riviste online.

Qui troverete tante follie legislative, alcune dimenticate a causa del passare del tempo – ma non per questo meno gravi – altre ancora in vigore e poi quelle nuove di zecca, inventate ad arte per rendere la vita il più difficile e complicata possibile a chi vuole solo lavorare onestamente per poter vivere onestamente e mantenere la famiglia.

Potrete trovare le differenze che passano fra essere immigrato che lavora e richiedente asilo, potrete leggere l’orrore dei Centri di Identificazione ed Espulsione, l’assurdità delle leggi sulla cittadinanza italiana, la totale follia della burocrazia, l’assordante silenzio delle istituzioni europee davanti ai troppi morti nel nostro Mediterraneo – il mare-cimitero, ma anche, sentirete, l’urlo silenzioso dei tanti che chiedono di arrivare e non ce la fanno o sono lasciati in mezzo al mare ad aspettare non si sa perché, non si sa cosa.

Leggerete, infine, dei tanti che lavorano ogni giorno perché tutto questo possa cambiare, perché le leggi diventino migliori, perché il clima nel nostro Paese cambi e si superino finalmente l’odio per “l’altro” e la paura verso chi non è come noi per rendersi conto che siamo tutti, semplicemente, umani.

Magris, io parlo italiano

Io parlo italiano: contro la stupidità e l’ignoranza di chi confonde il riconoscimento e la valorizzazione della propria cultura con una egoistica chiusura in se stessi, ho deciso che, d’ora in poi, parlerò sempre in italiano. Sarà difficile, perché noi sandricensi non conosciamo affatto la lingua nazionale, ma mi sforzerò. Intanto, copio sotto un articolo di Claudio Magris sul tema.

Continua a leggere

khorakane, Sognare per continuare

Sognare per continuare: Khorakhanè, Fabrizio De Andrè (a forza di essere vento)

Khorakhanè: tribù rom di provenienza serbo-montenegrina

Continua a leggere

Non aver paura

Non aver paura
In Italia milioni di nuovi cittadini stanno diventando le vittime dell’insicurezza economica e del disagio sociale. Abbiamo assistito negli ultimi mesi a vere e proprie campagne di criminalizzazione contro immigrati e rom. Lo straniero, il diverso, l’escluso è diventato troppo spesso vittima di violenza. La paura non può che creare violenza.

Continua a leggere

Pacchetto sicurezza, ddl sicurezza, Giurisprudenza censura pacchetto sicurezza

Entro domani, con tre voti di fiducia, sarà definitivamente approvato il DDL sicurezza. E, da domani, in Italia saremo tutti più poveri e meno sicuri: tutti, non solo i migranti, perché:

Continua a leggere

Lettera a Gheddafi

Lettera a Gheddafi

Al Leader della Gran Giamahiria Araba Libica Popolare Socialista

(Per conoscenza, alle e ai rappresentati del governo italiano e dell’Unione europea) Continua a leggere