Wislawa Szymborska, la cipolla

La cipolla: ebbene confesso la mia più totale e profonda ignoranza. Credevo di conoscere l’unica poesia sulla cipolla scritta da un autore famoso come Pablo Neruda. Invece, dopo aver acquistato la raccolta di poesie “Elogio dei sogni” di Wislawa Szymborska, ho scoperto con piacere e stupore che anche lei ha scritto una poesia dedicata alla cipolla. Eccola qui sotto:

La cipolla è un’altra cosa.
Interiora non ne ha.
Completamente cipolla
fino alla cipollità.

Cipolluta di fuori,
cipollosa fino al cuore,
potrebbe guardarsi dentro
senza provare timore.
In noi ignoto e selve
di pelle appena coperti,
interni d’inferno,
violenta anatomia,
ma nella cipolla – cipolla,
non visceri ritorti.
Lei più e più volte nuda,
fin nel fondo e così via.

Coerente è la cipolla,
riuscita è la cipolla.
Nell’una ecco sta l’altra,
nella maggiore la minore,
nella seguente la successiva,
cioè la terza e la quarta.
Una centripeta fuga.
Un’eco in coro composta.

La cipolla, d’accordo:
il più bel ventre del mondo.
A propria lode di aureole
da sé si avvolge in tondo.
In noi – grasso, nervi, vene,
muchi e secrezione.
E a noi resta negata
l’idiozia della perfezione.

Qui sotto la poesia La cipolla declamata da Wislawa Szymborska in persona.  Una chicca imperdibile!

Buon ascolto!

Wisława Szymborska (Kórnik, 2 luglio 1923 – Cracovia, 1º febbraio 2012) è stata una poetessa e saggista polacca. Premiata con il Nobel nel 1996 e con numerosi altri riconoscimenti, è generalmente considerata la più importante poetessa polacca degli ultimi anni, e una delle più amate dal pubblico della poesia e non solo, di tutto il mondo d’oggi. In Polonia, i suoi volumi raggiungono cifre di vendita pari a cinquecentomila copie vendute, come un bestseller, anche se l’autrice ha ironicamente scritto che la poesia piace, forse, a due persone su mille. Szymborska preferiva usare il verso libero nelle sue poesie. Le sue opere sono contraddistinte, dal punto di vista linguistico, da una grande semplicità. Utilizza espedienti retorici per illustrare i temi filosofici e le ossessioni sottostanti. È una miniaturista, le cui poesie compatte spesso evocano ampi enigmi esistenziali. Benché molte delle sue poesie non superino la lunghezza di una pagina, esse toccano spesso argomenti di respiro etico che riflettono sulla condizione delle persone, sia come individui che come membri della società umana. Il suo stile si caratterizza per l’introspezione intellettuale, l’arguzia e la succinta ed elegante scelta delle parole.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.