Elefante

Questa bella fiaba ittita, l’elefante, è per riflettere sulla verità monolitica che troppo spesso crediamo di possedere, mentre in realtà ne possediamo solo un frammento che, grazie alla condivisione di ognuno, ci permettono di formare il tutto.

Buona lettura!

A sei persone che non avevano mai visto un elefante dissero che in una stanza buia ce n’era uno e ciascuno di loro aveva diritto di entrare e di toccare quello strano animale per sapere come fosse fatto.

I sei andarono uno alla volta per scoprire com’era fatto l’elefante. Il primo toccò la proboscide, il secondo una zanna, il terzo un orecchio, il quarto una zampa, il quinto la pancia, il sesto la coda. E se ne tornarono tutti a casa convinti di sapere esattamente come era fatto un elefante.
Cominciarono a descriversi vicendevolmente l’elefante. “Oh, è fantastico”, disse il primo, “così lento e morbido, lungo e forte”‘. “No!” disse quello che aveva toccato la zanna, “è corto, e molto duro”. “Avete torto entrambi”, disse il terzo, che aveva tastato l’orecchio, “l’elefante è piatto e sottile come una grande foglia”. “Oh no”, disse il quarto che aveva toccato la zampa, “è come un albero”. E anche gli altri due intervennero: “E’ come un muro”, “è come una corda”. Discussero e discussero, fino a litigare e a fare a botte.
Finalmente qualcuno portò l’elefante fuori dalla stanza in piena luce e i sei si resero conto che avevano tutti un poco di ragione: tutte le parti che avevano descritto, messe insieme, formano l’elefante.

Fiabe dal mondo

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.