Sulla mendicità

Mendicità ridiventa reato, Poveri, sindaci veneti

In un periodo in cui, con continue ordinanze dei nostri sindaci, si combattono i poveri anziché debellare la loro povertà (come sancito dalla nostra Costituzione e dalla Carta dei diritti dell’Uomo), mi sembra importante ricordare quello che, nell’ormai lontano 1995, stabilì la Corte Costituzionale a proposito del reato di mendicità.

Proprio qui, in un blog che raccoglie frasi celebri, trovo che sia fondamentale fare spazio alle frasi celebri della legge, perché la legge è fondamento e sale della democrazia.
Con la sentenza n. 519 del 1995, la suprema Corte dichiarò l’illegittimità del reato di “mendicità” di cui all’art. 670, comma 1, del codice penale:
«Gli squilibri e le forti tensioni che caratterizzano le società più avanzate producono condizioni di estrema emarginazione, sì che – senza indulgere in atteggiamenti di severo moralismo – non si può non cogliere con preoccupata inquietudine l’affiorare di tendenze, o anche soltanto tentazioni, volte a “nascondere” la miseria e a considerare le persone in condizioni di povertà come pericolose e colpevoli.
Quasi in una sorta di recupero della mendicità quale devianza, secondo linee che il movimento codificatorio dei secoli XVIII e XIX stilizzò nelle tavole della legge penale, preoccupandosi nel contempo di adottare forme di prevenzione attraverso la istituzione di stabilimenti di ricovero (o ghetti?) per i mendicanti».
 Buona riflessione a tutti e tutte.
(Visite 17 totali, 1 visite oggi)
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.