Regolarizzazione, Ministero burlone, ministri Maroni e Sacconi

Nei giorni scorsi, una circolare ministeriale, forniva alle prefetture le necessarie istruzioni perché venissero positivamente valutate le domande di regolarizzazione relative alla sanatoria di colf e badanti del 2009.

La decisione del ministero, si è resa necessaria perché, in seguito a una sentenza della Corte di Giustizia europea e del Consiglio di Stato, il ministero sta perdendo tutti i ricorsi di chi si è visto negare il rilascio del permesso di soggiorno. Con il mancato recepimento della direttiva rimpatri, a cui le sentenze fanno riferimento, il cosiddetto reato d’immigrazione clandestina, è stato praticamente cancellato. E quindi, chi si è visto negare il permesso di soggiorno per un reato che non è tale secondo la legge, propone ricorso e lo vince.
Così, per tutelarsi, il ministero ha emanato la circolare in questione.
Però… ministero burlone!
Dopo due giorni – scherzetto! – la circolare è stata annullata da un’altra circolare, dove si afferma la necessità di dover approfondire maggiormente la questione prima di decidere definitivamente.
Beh, hanno ragione. In fondo, la domanda di emersione è stata fatta soltanto due anni fa. C’è tempo.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.