soccorso agli animali, Aiutiamo i cani, Razza Umana o disumana, Notizie di governo

Notizie di governo 1:

Secondo il ministero dell’interno gli sbarchi di immigrati sono diminuiti dell’88%. Dimentichiamo tutti coloro che vengono deportati in Libia, ricordando ancora una volta a chi ha la memoria troppo corta, dove non esiste nessuna convenzione di Ginevra che tenga. E infatti sono state riaperte le carceri libiche (veri e propri lager).

Notizie di governo 2:
L’Inpdap ha aperto un bando rivolto ai nonni (nonno house),  finalizzato a dare in affitto una stanza agli studenti fuori sede di Roma. Nel bando c’è scritto che la camera per lo studente dev’essere, in base alla legge, di almeno 8 mq. Peccato che il decreto ministeriale 05.07.1075 parli, all’art. 2, di stanze di almeno 9 mq. Ne sanno qualcosa i cittadini stranieri che devono recarsi in comune per ottenere (dietro versamento di un consistente obolo sotto forma di marche da bollo e diritti di segreteria vari)  il certificato attestante i requisiti igienico-sanitari, nonché di idoneità abitativa dello stabile – e i requisiti suddetti si ricavano dalla legge del 75.
Ma l’Italia ha fatto propria la direttiva Ue che vieta la discriminazione. E allora… come mai?
Notizie di governo 3:
Sembra che la ministra Michela Vittoria Brambilla voglia abrogare il Palio di Siena  e tutte le manifestazioni in cui gli animali rischiano di essere maltrattati. La notizia ha fatto scalpore – soprattutto a Siena. Ci aspettiamo che, per coerenza, la ministra obblighi il governo di cui fa parte a ritirare gli accordi con la Libia e le vergognose deportazioni che si continuano ad effettuare nell’indifferenza agostana.
Altrimenti potremmo pensare che per lei cani e cavalli sono più importanti degli umani, come evidenzia la vignetta di Mauro Biani.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.