orcio

Un orcio pieno d’oro

Un orcio pieno d’oro è una fiaba Albanese

Nel villaggio circondato dalle montagne vivevano un contadino con i suoi tre figli. Il padre si svegliava all’alba e lavorava nei campi fino al tramonto, mentre i figli passavano le loro giornate senza far niente. Un giorno il padre si ammalò e così nessuno più lavorava la terra, che diventava ogni giorno sempre più arida e incolta. I figli cominciarono a preoccuparsi:
– Come faremo a vivere? Disse il maggiore
– Chi lavorerà la terra? Si lamentò quello di mezzo
– Che cosa mangeremo? Si disperò il minore
Prima di morire, il padre li chiamò tutti vicino a sé e disse loro:
– Non preoccupatevi per il futuro. Ho nascosto nella terra un orcio pieno di monete d’oro. Se scavate ben bene lo troverete.
Dopo la morte del padre, i tre figli cominciarono a zappare sempre più in profondità alla ricerca dell’orcio pieno d’oro. Scavarono un giorno, scavarono due giorni, tre giorni… ma non trovarono niente.
– Ormai abbiamo scavato più della metà del campo, finiamo il lavoro, propose il fratello più grande.
Così fecero, ma non trovarono niente.
– visto che abbiamo zappato, proviamo a coltivare il terreno, disse allora il fratello di mezzo.
Seminarono, innaffiarono, raccolsero i frutti e il grano.
– Andiamo a vendere al mercato una parte del raccolto, suggerì il fratello minore.
E così fecero. Tornarono a casa con un bel gruzzolo e finalmente capirono le lezione che il padre aveva voluto dare loro.
– Adesso abbiamo capito perché nostro padre ha detto che nella terra c’era sepolto dell’oro, dissero tutti insieme.
Da quel giorno lavorarono la terra come aveva sempre fatto il padre, ne raccolsero i frutti e vissero in pace con le loro famiglie.

Fiabe dal mondo

 

Fiaba orcio in albanese

2 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.