Perchè non accada mai più

ASGI – Appello – Perché non accada mai più

Suscita profonda indignazione e preoccupazione l’aggressione avvenuta venerdì 11 giugno 2010, a Torino, nei confronti di tre ragazze rom. Dalla ricostruzione dei fatti riportata dalla stampa, le ragazze avrebbero suonato al citofono di un palazzo: uno degli abitanti, ritenendo che le “zingare” volessero svaligiargli l’appartamento, le avrebbe inseguite per strada, tra le bancarelle del mercato, e le avrebbe violentemente picchiate, senza che la gente intorno reagisse. Una delle ragazze era incinta di otto mesi e, in seguito alle percosse, ha perso il bambino.
Questo gravissimo episodio è un ulteriore, preoccupante sintomo di come i pregiudizi e l’odio razzista nei confronti dei rom stiano raggiungendo livelli che arrivano a mettere profondamente in discussione la stessa natura democratica della nostra società. Si diffonde in modo sempre più pervasivo, anche grazie alle rappresentazioni mediatiche pressoché univoche, la convinzione che gli “zingari” siano tutti ladri, truffatori, rapitori di bambini… Le donne e gli uomini rom che vivono e lavorano onestamente (e pagano pure le tasse!) non compaiono mai nelle cronache di giornali e telegiornali. Ed è come se non esistessero.
La segregazione nei campi nomadi, che ha costituito negli ultimi trent’anni la principale politica con cui le istituzioni italiane (inclusa la Città di Torino) hanno affrontato la questione rom, ha un ruolo fondamentale nel produrre e riprodurre il pregiudizio e l’esclusione: i “nomadi” vivono nei campi, veri e propri ghetti isolati dal resto della società, sono dunque individui pericolosi e radicalmente diversi da “noi”. La criminalizzazione ha poi raggiunto il massimo livello negli ultimi due anni, con la dichiarazione dello “stato d’emergenza nomadi” (esteso nel 2009 anche al Piemonte) e la rilevazione delle impronte digitali anche ai bambini rom…
Una ragazza “zingara” che suona a un citofono, allora, che altro può essere se non una ladra in cerca di un appartamento da svaligiare?
A questa immagine criminalizzante se ne accompagna, sempre più frequentemente, un’altra: la rappresentazione degli sgomberi dei campi non autorizzati a Milano, a Roma e in molte altre città italiane, con le ruspe che distruggono baracche e passeggini, mentre le madri e i bambini, intorno, piangono… Vittime di una violenza istituzionalizzata, spesso esercitata con modalità illegittime, ma che politici di destra e di sinistra rivendicano come una riaffermazione della legalità. Le famiglie non sapranno dove andare, è vero, i bambini non potranno più andare a scuola… ma se la sono voluta loro, perché lì non ci dovevano stare, e solo cacciandoli via si potrà riportare la legge e l’ordine…
Così, la soglia di tolleranza delle violazioni dei diritti si alza sempre più. Come se agli “zingari”, in fondo, non andassero garantiti quei diritti umani fondamentali che la nostra Costituzione e l’ordinamento internazionale riconoscono a tutti gli esseri umani.
Questo tipo di politiche e di rappresentazioni non possono che andare a legittimare gli istinti di coloro che hanno voglia di “farsi giustizia da sé”. Reagire a un presunto tentato furto con l’aggressione e la violenza rischia, allora, di diventare “normale”.
È a questa “normalità” del pregiudizio, dell’esclusione, della violenza, della violazione dei diritti fondamentali, che dobbiamo reagire, con forza. E subito, perché domani potrebbe essere troppo tardi.
Chi volesse aderire, è pregato di inviare l’adesione a www.firmiamo.it/ Perché non accada mai più entro venerdì 25 giugno 2010.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.