Ancora sui marò

Dobbiamo soffermarci ancora sui marò

Incredibile! Ora anche l’Unione Europea si sta attivando per aiutare i due poveri marò che, stando alle accuse, sono due assassini (anche se hanno agito in buona fede – sic), perché chi ammazza una persona – anche quando si tratta di un povero pescatore indiano – è un omicida e deve stare in galera. Invece la grande preoccupazione di tutte le nostre istituzioni è far sì che abbiano una sistemazione dignitosa, che mangino cibo italiano, che indossino sempre la divisa e, soprattutto, non siano mescolati con i carcerati indiani.E così si continuano a spendere i nostri soldi per aiutare e proteggere due presunti assassini. Questo è davvero il mondo alla rovescia e l’indignazione si fa sempre più forte ogni giorno che passa, anche perché non si sente una voce che sia una che dica qualcosa di diverso dal mantra ufficiale che parla “dei nostri poveri marò“.

Cosa dovrebbero dire tutti immigranti che si fanno un anno e mezzo di lager qui in Italia solo perché non hanno un timbro nel passaporto e un pezzo di carta che attesti la regolarità della loro presenza? Loro mica hanno ammazzato qualcuno!

Ripeto la mia domanda: cosa sarebbe successo se due soldati indiani in una nave militare nel Mediterraneo avessero ammazzato, in buona fede, due pescatori di Mazara del Vallo? Io ho la vaga sensazione che ci sarebbe stata una gran caccia all’indiano in tutta Italia, e voi?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.