fiaba tartaruga anatre

La tartaruga e le due anatre è una fiaba araba

Due anatre e una tartaruga vivevano insieme sulle rive d un grande lago. Erano lì da molto tempo ed erano diventate amiche. Quell’anno la pioggia non era mai caduta e il sole splendeva più cocente del solito, così il lago si prosciugava ogni giorno di più.

Le due anatre erano preoccupate e, dopo un consulto fra di loro, dissero alla tartaruga: – Cara amica, ormai l’acqua rimasta nel lago è pochissima. Dobbiamo salutarci, abbiamo deciso di partire e di andare a cercare un posto con più acqua. – Mi sono accorta che l’acqua si abbassa a vista d’occhio e temo di morire di sete. Vorrei andarmene da qui anch’io, rispose la tartaruga.tartaruga

– Allora vieni con noi, proposero le anatre. – Ma come faccio a seguirvi? Voi sapete volare a grande velocità e io so solo nuotare e poi sono troppo pesante per salire sulla schiena di una di voi. Le anatre ci pensarono un po’ su e poi proposero alla tartaruga una soluzione. – Ognuna di noi afferrerà con il becco la punta di un bastone, mentre tu ti aggrapperai al bastone con la tua bocca. Così potremo volare tutte e tre insieme fino a un altro lago più ricco di acqua. La tartaruga era entusiasta dell’idea e si mise a gridare: – Meraviglioso! Sarò la prima tartaruga volante della storia. – Ma devi essere molto prudente e tenerti saldamente al bastone con la bocca, si raccomandarono le anatre – e soprattutto non devi aprire bocca per nessun motivo! Tu sei una grande chiacchierona e ti devi controllare, anche se senti la gente che parla di te, non devi assolutamente rispondere. – Certamente, non preoccupatevi! – le rassicurò la tartaruga.

 Il giorno dopo le tre amiche si misero in viaggio: le anatre reggevano il bastone con il becco, facendo un grande sforzo e la tartaruga stava aggrappata con la sua bocca. Ma, dato che volavano a bassa quota e vicino ai tetti delle case, la gente vide quello strano terzetto e si mise ad esclamare: – Guardate che cosa straordinaria: una tartaruga che vola! La tartaruga non poté resistere a lungo, aprì la bocca per rispondere; cadde a terra e lì rimase per sempre; sola, senza acqua e tutta piena di ammaccature.

Fiabe dal mondo

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.