Quinto di Treviso, violenza Vs. profughi

 Pubblico qui sotto le considerazioni di Saverio Tommasi, che condivido pienamente, sulle vergognose violenze degli abitanti di Quinto di Treviso nei confronti di un gruppo di profughi. E, ripeto, sarà la Storia a giudicare questa vergogna. E sarà un giudizio impietoso verso costoro.

Treviso, Himmler e Saverio Tommasi:

 

Ieri a Treviso sono arrivati alcuni profughi e gli abitanti del quartiere sono insorti. Nella notte qualcuno di loro è entrato negli appartamenti e ha incendiato i mobili, i divani, i vestiti, le sedie e perfino le ciabatte destinate ai profughi. Poi il giorno dopo, gli stessi abitanti del quartiere, hanno impedito a una cesta di cibo di arrivare alle bocche dei profughi a cui quel cibo era destinato.

Io qualche mese fa sono stato ad Auschwitz, e vi dico che le vostre idee non sono per niente originali, ci avevano già pensato i vostri nonni. Era già accaduto che qualcuno denunciasse la dodicenne clandestina Anna Frank nascosta in soffitta, era già accaduto che la colpa fosse data ai rom e ai sinti, tra l’altro gli unici popoli che nella storia umana non hanno mai dichiarato una guerra. Era già accaduto che gli invalidi, gli handicappati e i matti fossero allontanati perché erano un costo. Era già accaduta, insomma, la storia del capro espiatorio.
Voi, gente di quartiere e spada che oggi impedite l’accoglienza bruciando vestiti e sedie di quelli più poveri di voi, siete i nipoti scaduti di idee che stanno un gradino sotto la melma.
E se quello che voi siete è la mia razza, voglio dirlo chiaramente, la mia razza mi fa schifo. Ma se ci penso un attimo no, voi non siete la mia razza. Perché la mia sola razza è quella umana, e la vicinanza all’essere stronzo o all’essere Uomo non la fa il colore della pelle, e neanche il luogo di nascita, e nonostante lo urliate, con la bava alla bocca, continuerete ad avere torto.

PS. voi sarete anche dei capoccioni razzisti e velenosi, ma noi siamo dei testardissimi uomini e donne di razza umana che conoscono delle storie che voi non avete mai voluto ascoltare. Per questo siamo più forti, perché sappiamo di non essere soli.

Solidarietà a ogni donna e uomo e bambino, in fuga da guerre, persecuzioni, leghisti e povertà.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.