Tributo Spaziani Testamento

La morte di Maria Luisa Spaziani mi impone di scrivere una parola come tributo. Non da esperta, no. Da persona qualunque che l’ha conosciuta durante il percorso di scrittura autobiografica, grazie alle letture fatte da Duccio Demetrio. Al link un’intervista di Doriano Fasoli.

 Qui una sua poesia.

 Vorrei mordere il tempo come il pane.

Trovare resistenza, lasciare il segno dei denti.
Inghiottirne l’essenza, sentire il nutrimento
che dolcemente invade il sangue.
Ma il tempo scorre, invisibile fiume.
Mi fruscia intorno. A portata di mano
mi passa un pesce-favola, una pepita d’oro
già risucchiata in vortici.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.