Tu che, di Viorel Boldis

Poesia di Viorel Boldis


Tu che sogni il mio sogno
e rompi i sigilli della mia prigione,
tu che mantieni il mio orizzonte visibile,
tu che mi rendi il tempo sopportabile
tramutandolo in tempo con te e attesa,
tu che gioisci di una sola mia parola,
tu che mi sopporti e mi difendi,
tu che comprendi il mio incomprensibile,
tu che sai vedere l’uomo al di là del poeta,
tu che sei specchio della mia anima,
tu che sei terra per il mio aratro,
sì, proprio tu che sei fulcro del mio essere,
ti prego, non rispondermi mai alla domanda
ma tu chi sei?
altrimenti smetto di cercarti,
e quindi, di vivere.

Viorel Boldis

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.